Sambuco

sambuco componente immunigum

Il sambuco è dotato di proprietà diaforetiche, ossia è una pianta che, una volta assunta, è in grado di aumentare la sudorazione corporea. È proprio per questo motivo che viene impiegato per il trattamento di raffreddore, febbre e affezioni delle vie respiratorie (come tosse e bronchiti). Infatti, diversi studi hanno dimostrato come i fiori e le foglie di sambuco siano efficaci nel diminuire l’ntensità e la durata del raffreddore e nel ridurre la febbre attraverso l’aumento della sudorazione. Inoltre, studi condotti su animali, hanno dimostrato che il sambuco svolge la sua attività benefica anche attraverso un aumento della secrezione bronchiale. Del sambuco sono state indagate anche le potenziali proprietà antinfiammatorie già attribuitegli dalla medicina popolare. Da alcune ricerche condotte in vitro è emerso che gli estratti di fiori e foglie di sambuco sono in grado di inibire la secrezione di citochine e di ridurre l’attività delle interleuchine e del fattore di necrosi tumorale, tutte sostanze coinvolte nei processi flogistici e nella risposta immunitaria.

Sambuco contro il raffreddore e le affezioni delle vie respiratorie

Come accennato, grazie alle spiccate proprietà diaforetiche possedute dalle foglie e dai fiori di sambuco, questa pianta può essere efficacemente impiegata per contrastare il raffreddore, la febbre e le infiammazioni delle vie respiratorie, come le bronchiti. Se il sambuco viene assunto sotto forma di infuso, solitamente, si consiglia di immergere 2-4 grammi di droga in circa 150 ml di acqua bollente e di lasciare il tutto in infusione per almeno cinque minuti. Il prodotto così preparato può essere assunto più volte durante la giornata, in particolar modo, nell’arco del pomeriggio e alla sera. La scoperta dei ricercatori australiani è l’ennesima conferma di quanto la natura sia generosa nel fornirci i farmaci e medicamenti di cui abbiamo bisogno. I ricercatori di ingegneria chimica e biomolecolare della facoltà di ingegneria e informatica dell’Università di Sydney hanno rivelato come un antico rimedio popolare, le bacche di sambuco, riescano a combattere l’influenza. Il team guidato dalla professoressa Fariba Deghani, dal dott. Golnoosh Torabian e dal dott. Peter Valtchev ha dimostrato in che modo i composti contenuti nelle bacche di sambuco riescano ad inibire direttamente l’ingresso del virus dell’influenza e la sua replicazione nelle cellule umane, aiutando nel contempo a rafforzare la nostra risposta immunitaria. “Ciò che il nostro studio ha dimostrato è che il comune sambuco ha un potente effetto antivirale diretto contro il virus dell’influenza“, ha dichiarato il dott. Golnoosh Torabian. “Inibisce le prime fasi dell’infezione bloccando le proteine ​​virali chiave responsabili dell’attacco e dell’ingresso nelle cellule ospiti”. I ricercatori per il loro studio hanno utilizzato un estratto di succo proveniente da piante coltivate per scopi commerciali.

sambuco componente immunigum

Anti-influenza activity of elderberry (Sambucus nigra)
https://carmelberry.com/wp-content/uploads/2020/02/ElderberryStudyFlu2019.pdf
Golnoosh Torabiana, Peter Valtcheva, Qayyum Adilc, Fariba Dehghania
The University of Sydney, School of Chemical & Biomolecular Engineering, Sydney, NSW
2006, Australia

Centre for Excellence in Advanced Food Enginomics, The University of Sydney, Sydney, NSW
2006, Australia
PharmaCare Laboratories, Warriewood, NSW 2102, Australia

Menu